Phil Spencer vorrebbe estendere il play anywhere a tutte le piattaforme Microsoft

0
69

Phil Spencer vorrebbe rendere più compatibili possibile giochi e servizi per le piattaforma Microsoft.

L’idea è quella di creare un ecosistema che ci permetta di utilizzare i titoli acquistati sulle diverse piattaforme da PC a XboxOne, senza dimenticare l’imminente Xbox Scarlett.

Un progetto che punta a soddisfare gli utenti e a permettere di giocare ai videogiochi delle diverse piattaforma in modo semplice, su una qualsiasi della macchine Microsoft.

“Il nostro obiettivo per i nostri giochi first party è consentirne l’utilizzo cross-gen con condivisione di obiettivi e salvataggi“.

Secondo Spencer questa innovazione è fondamentale ed è un’occasione mancata del passato.

In particolare si punta alla condivisione di salvataggi e dati, elemento già presente per i titoli compatibili con PC e XboxOne.

La partita iniziata su PC, può essere infatti proseguita direttamente su XboxOne.

A quanto pare il progetto di Microsoft è molto particolare e ambizioso e si muove in modo parallelo a quello Sony, elemento che potrebbe davvero dar vita a una valida next gen.

Microsoft punta sempre di più a integrare il mondo PC, trasformando le sue console in una costola dell’universo PC e viceversa.

Molte delle esclusive della compagnia, sono infatti disponibili anche su PC e addirittura inserite nel game pass per le varie piattaforme.

Con l’arrivo di Scarlett ci sarà una terza piattaforma da tenere di conto che potrebbe dar vita a un modo di vivere i videogiochi più fluido con una semplice alternanza alla quale si andrà ad aggiungere lo stecco Project XCloud.

Spencer ha le idee chiare e Xbox sembra pronta a crescere a a giocare al meglio la prossima generazione.

Staremo a vedere se le promesse della società saranno mantenute, specialmente con titoli migliori e più innovativi, punto debole dell’attuale generazione che sembra aver puntato più al multiplayer che a esperienza in grado di segnare e convincere i giocatori a scegliere la casa di Redmond.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here