Google avrebbe sabotato Microsoft Edge

0
96
Google sabotaggio Microsoft

Microsoft ha di recente abbandonato il suo Edge per optare su chromium, motore di casa Google.

Una scelta che in molti non hanno capito, dal momento che l’azienda di Redmond è passata da un software più veloce a uno più lento.

A parlare è però Joshua Bakita, ex sviluppatore di Edge, che ha rivelato la scelta di Microsoft di passare a Chromium, proprio per le continue modifiche di Google che ostacolavano Edge in modo apparentemente volontario.

Ex Stagista di software rendering per Microsoft, Bakita ha lavorato allo sviluppo di Edge, notando una serie di modifiche assurde fatte da Google con il solo scopo di ostacolare Edge e di renderlo più lento.

Bakita sostiene inoltre che queste modifiche siano state implementate con il solo scopo di non permettere a Edge e altri browser la corretta fruizione dei prodotti Google.

“Sebbene non sia del tutto convinto che YouTube sia stato modificato intenzionalmente per rallentare Edge, molti dei miei colleghi sono piuttosto persuasi, e sono loro ad averlo esaminato personalmente”, scrive Bakita su Hacker News.

“Inoltre, quando lo abbiamo richiesto, YouTube ha rifiutato la nostra richiesta di rimuovere il div vuoto nascosto e non ha effettuato ulteriori elaborazioni”.

Una situazione che potrebbe sfociare in una ulteriore cattiva pubblicità per Google, che sembra sempre più intenzionata a detenere la totalità del potere in rete, soprattutto sfruttando tecniche di questo tipo, dalla già multata questione Android, al rendere più difficile fruire dei suoi servizi da parte degli strumenti rivali.

Niente di male alla fine, del resto Youtube appartiene a loro, sarebbe però più trasparente se la cose fosse dichiarata e non effettuata attraverso strani aggiornamenti e sabotaggi della concorrenza.

Comunque sia la cosa sembra non aver innervosito più di tanto Microsoft, che addirittura è finita per scegliere Chromium, proprio per evitare ulteriori problemi di prestazioni e compatibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here