Facebook, stretta sui minori

0
195
Facebook moderatori

Il rapporto tra minorenni e social è sempre stato piuttosto controverso e, ad oggi, non si trova una vera e propria formula o un metodo reale per proteggere i più giovani, non solo dai brutti incontri che possono fare sul web, ma ance da tutti quei contenuti e quei comportamenti diseducativi che la rete propone a più non posso.

Il mondo social è infatti spesso fatto di bullismo e insulti, di contenuti violenti e meccaniche che molto difficilmente troveremmo con tale facilità nella vita reale, e nemmeno sul web più classico determinato da siti e forum.

Ecco che Facebook, per evitare altri polveroni sulla sua condotta, ha deciso di prendere delle misure che interessano proprio gli utenti under 13 che, secondo le norme europee per quanto riguarda la privacy, non avrebbero l’autorizzazione a stare sui social. Le direttive ricevute dagli operatori di Instagram e Facebook sono infatti cambiate, ed ecco che i moderatori dei social avranno la possibilità di sospendere immediatamente i profili dei minorenni senza la necessitò di alcuna autorizzazione e passaggio.

Una vera e propria guerra ai profili dei bambini, per impedire che l’azienda finisca di nuovo nel putiferio magari per fatti ancora più gravi.

Fino ad oggi, i controlli dei social avevano la possibilità di agire solo nel caso che i profili fossero stati segnalati da terzi. In questo caso invece saranno sguinzagliati proprio alla ricerca dei profili illegali con l’obiettivo di abbatterli rapidamente.

La decisione arriva dopo che l’emittente UK, Channel 4 aveva mostrato attraverso una conduttrice sotto copertura, come le mani dei moderatori fossero legate, e come questi fossero costretti a far finta di niente, almeno che l’utente non ammettesse la sua età.

Le misure dei social per controllarne l’utilizzo fatto dai minorenni si fanno sempre più restrittive, specialmente dopo le richieste degli stati europei, oltre che degli USA che iniziano a riconoscere il mondo social e il suo abuso come un inaspettato problema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here