In arrivo il nuovo riconoscimento facciale di Facebook, ma non per tutti

0
562

Il team di Facebook è ogni giorno al lavoro per offrirci sempre il migliori servizio possibile. E’ da qualche anno, infatti, che si è concentrato sullo studio del riconoscimento facciale integrato direttamente sulla piattaforma che consente di riconoscere in modo automatico il viso di una persona presente su una foto o un video caricati.

Questa tecnologia è stata ottimizzata e migliorata negli ultimi mesi per offrire all’utente che la utilizza un servizio completo e senza difetti.

Ma questo non vale per tutti…

Come funziona il riconoscimento facciale?

Il riconoscimento facciale di Facebook funziona tramite un algoritmo che permette di riconoscere automaticamente il nostro viso su un qualsiasi video o foto caricati da altri utenti e di essere avvisati all’istante tramite notifica.

Anche se non siamo stati taggati o non c’è nessun riferimento al nostro profilo, Facebook ci da la possibilità di poter scegliere tra tre diverse opzioni: o taggarsi nel contenuto o lasciarlo cosi com’è oppure contattare chi lo ha caricato per farlo modificare o rimuovere.

Questa tecnologia è estremamente utile e porta con se numerosi vantaggi per tutti gli utenti. Il primo e il più importante riguarda la privacy.

Infatti potendo contare su un controllo diretto della nostra immagine non sarà più possibile che qualcun’altro utilizzi una nostra foto come immagine del profilo o si crei un profilo fittizio per arrecarci danni.

Purtroppo però questa tecnologia così utile non sarà disponibile in tutto il mondo. Pare che infatti, almeno per il momento, non sarà possibile utilizzarla in Europa ed in Canada per il fatto che ancora questo tipo di implementazione non è proprio approdata sul nostro social.

Ci auguriamo però che in futuro Facebook garantisca una migliore protezione della propria immagine a tutti gli utenti, sia europei che non, e una migliore protezione della propria privacy.

Solo in questo modo potremmo stare realmente al sicuro da possibili malintenzionati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here